Bauhaus-In the flat field

Pubblicato il da prettyvacant

 

 

 

Oggi parliamo dei Bauhaus. Un gruppo davvero unico nel suo genere. Sonorità dark-punk e amore per il teatro si fondono in un unico corpo in questa pazza band. E su tutto la voce "unica" di Peter Murphy. I nostri avevano esordito già prima di quest'album, con due singoli "Bela Lugosi's dead" e "Dark Entries" che già li avevano segnalati come figure di primo piano dell'allora nascente gothic-rock.

Questo album rappresenta davvero ciò che è stato il mondo dei Bauhaus. Liriche nerissime, suoni a volte cupi a volte quasi punk-rock (la bellissima "Stigmata Martyr"), la chitarra rumorista di Daniel Ash e la voce di Peter Murphy che si divide tra un lugubre canto baritonale e delle sguaiate urla. Un album che influenzerà moltissimo altri artisti (su tutti i Christian Death) e che non sarà l'ultimo. I Bauhaus ne incideranno altri 3 (di cui parleremo a breve) prima di sciogliersi temporaneamente.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post